HOME PROGETTO PARTNERS METODOLOGIA CARTOGRAFIA ONLINE DOCUMENTI EVENTI

  Cartografia

      Seleziona regione


ISPRA Sistema Informativo Nazionale Ambientale SINAnet

Sardegna Sicilia Calabria Basilicata Campania Puglia Molise Abruzzo Lazio Umbria Marche Toscana Liguria Emilia Romagna Valle d'Aosta Piemonte Friuli Venezia Giulia Veneto Prov. Aut. di Bolzano Prov. Aut. di Trento Lombardia

   PROGETTO
Obiettivi

Il Progetto IFFI ha lo scopo di:
  • fornire un quadro completo ed aggiornato sulla distribuzione dei fenomeni franosi sull'intero territorio nazionale secondo procedure standardizzate;
  • realizzare un Sistema Informativo Territoriale Nazionale contenente tutti i dati sulle frane censite in Italia;
  • offrire uno strumento conoscitivo di base per la valutazione della pericolosità e del rischio da frana, per la programmazione degli interventi di difesa del suolo e per la pianificazione territoriale.
Finanziamento

Il progetto, finanziato dal Comitato dei Ministri per la Difesa del Suolo ex lege 183/89 con 4.131.655,19 Euro, è stato attuato tramite la stipula di Convenzioni tra l'ex Servizio Geologico Nazionale (ora in ISPRA) e le Regioni e Province Autonome per la fornitura dei dati relativi ai rispettivi ambiti territoriali.

Nel 2004 il Dipartimento Difesa del Suolo - Servizio Geologico d'Italia ha stanziato 650.000,00 Euro per la stipula di nuove convenzioni con le Regioni/Province Autonome, finalizzate all'integrazione e aggiornamento dell'Inventario dei Fenomeni Franosi in Italia.

Competenze e attuazione

Nell'ambito del Progetto IFFI, il Dipartimento Difesa del Suolo – Servizio Geologico d'Italia dell'ISPRA ha la funzione di indirizzo e coordinamento delle attività, verifica la conformità dei dati alfanumerici e cartografici alle specifiche di progetto ed effettua elaborazioni e statistiche nazionali. Ha contribuito alla redazione delle specifiche tecniche e alla realizzazione di applicativi a supporto delle attività del progetto.

Le Regioni e le Province Autonome svolgono la funzione essenziale di raccolta dei dati storici e d'archivio, di individuazione e mappatura dei dissesti franosi mediante aerofotointerpretazione e rilevamenti di campagna, di informatizzazione e validazione dei dati.

L'attuazione del Progetto si è realizzata in due fasi principali: la prima fase, nel periodo 1999-2004, ha previsto la redazione delle specifiche tecniche, l'attività di raccolta, omogeneizzazione, informatizzazione e validazione dei dati; la seconda, dal 2005, è finalizzata all'integrazione e aggiornamento della banca dati.
Prodotti e Servizi

Risultati

Le frane censite nell’Inventario dei Fenomeni Franosi in Italia sono 614.799. I dati sono aggiornati al 2015 per le Regioni Calabria, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Sicilia, Toscana, Valle d'Aosta e per la Provincia Autonoma di Bolzano; al 2014 per le Regioni Liguria, Emilia Romagna e Basilicata. Per le restanti Regioni i dati sono aggiornati al 2007. L'inventario dei fenomeni franosi rappresenta, per dimensioni, qualità, omogeneità del dato e copertura del territorio, un utile strumento conoscitivo per la valutazione della pericolosità da frana e, più in generale, come supporto alle decisioni da operare in ambito territoriale.